Ecco cosa visitare a Berat

No Picture

Le pinete sopra la città, sulle pendici torreggianti del monte Tomorr , forniscono un contesto di adeguata grandezza. Il fiume Osumi ha scavato una gola profonda 915 metri, attraverso la roccia calcarea sul lato ovest della valle per formare una fortezza naturale, attorno al quale la città è stata costruita su diverse terrazze fluviali.

Secondo una leggenda albanese, la montagna Tomorr era in origine un gigante, che ha combattuto con un altro gigante, chiamato Shpirag per l’amore di una giovane donna. I due giganti si sonno uccisi tra di loro e la ragazza annego in lacrime dal dolore, che poi divenne il fiume Osum. La montagnia Shpirag, dal nome del secondo gigante, si trova sulla riva sinistra della gola, sopra il quartiere di Gorica. Berat è noto per gli albanesi come la città di “mille finestre” a causa di molte grandi finestre delle vecchie case che dominano la città.

Un bellissimo posto da visitare è il castello di BeratCastello di Berat è costruito su una collina rocciosa sulla riva sinistra del fiume Osum ed è accessibile solo da sud. Dopo essere stato bruciato dai Romani nel 200 aC, i muri sono stati rafforzati nel 5 ° secolo sotto l’imperatore bizantino Teodosio II. L’ingresso principale, sul lato nord, è difeso da una corte fortificata e ci sono tre ingressi più piccoli. La città è famosa  per la sua architettura storica e la bellezza paesaggistica. 

Un altro posto che merita la possibilità di essere visitato è il Museo Etnografico risalente al XVIII secolo. Il museo si trova in un castello medievale. L’ambiente al di fuori di questo museo è noto per la combinazione della natura con oggetti museali massicci. Vicino al pozzo è collocato il frantoio, un antico macchinario che preme le olive e cosi si ottiene il loro olio. 

Moderna Berat si compone di tre parti divise dal fiume Osum: Gorica, Mangalem e Kalaja.